A Barletta, nella Basilica del Santo Sepolcro, fervono i preparativi alla Festa della Beata Maria Vergine di Lourdes.Così, a proposito, don Mauro Dibenedetto, si è rivolto ai fedeli in una sua comunicazione: … Utilizziamo anche cookie di terze parti che ci aiutano ad analizzare e capire come usi questo sito web. «La parrocchia è una determinata comunità di fedeli che viene costituita stabilmente nell'ambito di una Chiesa particolare, e la cui cura pastorale è affidata, sotto l'autorità del Vescovo diocesano, ad un parroco quale suo proprio pastore. L'abside centrale è scavato da sette archi, di cui quello centrale di luce maggiore rispetto agli altri, interrotto nel mezzo da una bucatura. Construida en los restos de la anterior … Ecco una breve storia della reliquia del Santo Legno della Croce. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo. Nel 1770 fu demolito il porticato antistante la facciata principale della chiesa. molto bella nella sua sobrietà, stile e tendenza gotica, è una delle più importanti chiese a Barletta, da visitare anche il tesoro della basilica del santo sepolcro, con delle reliquie rare del santo sepolcro di … Basilica del Santo Sepolcro di Barletta, la chiesa alle spalle del Colosso, “La chiesa è particolarmente conosciuta per il suo stretto legame con la Terra Santa.”. Al suo fianco una torre di altezza inferiore, anch'essa scavata da un arco a sesto acuto, senza però la presenza delle colonne, con materiale lapideo a vista nella parte inferiore, intonaco nella parte superiore e nel mezzo una bifora. Nell'angolo sinistro del nartece, dunque non appena entrati nella chiesa, trova posto la scala d'accesso al piano superiore e ai matronei. La chiesa si presenta con impianto basilicale a tre navate, scandite da sette campate, il braccio trasversale del transetto e un'abside terminante per navata. Nel periodo compreso tra il 1968 e il 1972 vi fu un complesso restauro dell'intera fabbrica[6] che portò al rinvenimento di reperti della basilica medievale ed alla riproposizione della copertura della chiesa, come nella sua forma originaria. La Basilica del Santo Sepolcro è una delle principali chiese di Barletta e la sua stessa titolazione ricorda il legame con la Terra Santa e il sepolcro di Gesù Cristo. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento. Basilica del Santo Sepolcro. Questa struttura, frutto di numerose edificazioni appartenenti ad epoche differenti, oltre a mostrarsi in tutta la sua straordinaria bellezza presenta anche uno stretto legame con la Terra Santa e con il Sepolcro di Gesù Cristo: la sua posizione strategica l’ha resa meta di numerosi pellegrinaggi sia dei fedeli diretti in Terra Santa che dei crociati in viaggio dal porto della città verso Gerusalemme. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Si tratta di una serie di oreficerie sacre … [1] «Ringraziando il Signore Gesù Buon Pastore per il dono del sacerdozio ministeriale a servizio di tutto il popolo di Dio e delle comunità parrocchiali, vi annuncio con grande gioia che domenica 10 settembre 2017, alle ore 19.00, con la Celebrazione Eucaristica inizierò il mio ministero pastorale nella comunità parrocchiale della Basilica del Santo Sepolcro in Barletta … La porzione laterale sinistra vede, anche al secondo livello, la presenza parziale della torre d'angolo mentre quella destra è semplicemente intonaca. In corrispondenza di questo, vi è la tela del Santo. A questo è stata poi aggiunta una bolla di papa Innocenzo II nella quale viene indicata l’ubicazione delle chiesa solamente 8 anni dopo e al documento del 1144 quando si fa cenno alla fondazione del tempio per opera dei Cavalieri del Santo Sepolcro. Tale composizione risulta inglobata in un arco a tutto sesto in pietra, a sua volta incorniciato da due paraste e dalla trabeazione sovrastante, interamente intonacati. Ed esplora la migliore raccolta di News e foto di personaggi famosi royalty-free del … Nel 1291, dopo il fallimento della nona ed ultima crociata e in seguito alla caduta di San Giovanni d'Acri, si rifugió a Barletta il patriarca di Gerusalemme Randulphus, il quale secondo l'antica tradizione portó con sé preziosi cimeli da Gerusalemme. Il prospetto settentrionale si trova sotto il livello della sezione stradale, per cui per accedervi è necessario scendere alcuni gradini. La basilica collegiata del Santo Sepolcro è una delle principali chiese di Barletta. La Basilica del Santo Sepolcrodi Barlettaè, come suggerisce il nome stesso, imprescindibilmente legata alla Terrasanta ed al Sepolcro di Gesù Cristo. Di antica origine apula, divenne capoluogo della regione quando vi si stabilirono gli … La parte inferiore centrale del prospetto è divisa da quelle laterali da una semicolonna per parte addossata ad una parasta, mentre le due parti laterali sono delimitate alle estremità da singole paraste. Sull'altare maggiore troneggia un crocifisso ligneo. Il tesoro della Basilica del Santo Sepolcro a Barletta Di elevato prestigio storico e archeologico è il Tesoro del Santo Sepolcro protetto dalle maestose mura della basilica. - La Basilica del Santo Sepolcro di Barletta - 142262289 - it Il terremoto del 1456 provocò gravi lesioni alla struttura ma non fu abbattuto subito, bensì durante la guerra tra francesi e spagnoli, intorno al 1500.Il secondo campanile fu edificato intorno al 1515 durante il periodo spagnolo. All’interno della basilica è possibile constatare come la bellezza esteriore sia solo un preludio delle meraviglie interne. La basilica collegiata del Santo Sepolcro è una delle principali chiese di Barletta.La chiesa fin dalla fondazione conserva uno stretto legame con la Terra Santa e il sepolcro … Basilica del Santo Sepolcro is located in Barletta. Il prospetto sud confina con altri edifici adiacenti per cui non è possibile descriverlo in maniera analitica. La basilica del Santo Sepolcro durante l'anno è punto di partenza di due note processioni, entrambe serali e legate al culto del Santo Legno della Croce: una si tiene nel giorno del Venerdì Santo, l'altra il 14 settembre. Venne abbattuto agli inizi del secolo successivo.Il secondo orologio fu inserito nel 1515 in una piccola torre edificata accanto al campanile cinquecentesco, nei pressi del transetto. La basilica del Santo Sepolcro è stata negli anni sede di quattro orologi.Il primo fu montato nel 1442 sulla torre campanaria nell'angolo nord-ovest della chiesa, sulla sopraelevazione della torre che ancora oggi si erge affacciandosi su Corso Vittorio Emanuele. In seguito all'abbattimento del 1731 l'orologio fu spostato sulla torre di nord-ovest ma durante i lavori di costruzione del terzo campanile, quello barocco, smise di funzionare e fu riparato solo sette anni dopo.Nel 1885 l'orologio fu poi spostato su una torre edificata sul cosiddetto sedile del popolo, l'avancorpo della chiesa posto sul retro del Colosso e nel 1918 fu rimosso. Uno degli ultimi documenti papali che ascriverebbero la presenza della chiesa del Santo Sepolcro a Barletta è la bolla papale del 14 luglio 1182 con la quale, riferendo al priore di Gerusalemme i possedimenti della chiesa patriarcale, il Papa cita la chiesa del Santo Sepolcro apud Barlettum[2]. È obbligatorio acquisire il consenso dell'utente prima di eseguire questi cookie sul tuo sito web. Mostra di più » Cornice (architettura) In generale con il termine cornice si intende un elemento con modanature aggettanti (cioè che sporgono) … La struttura, dunque, sebbene sia stata costruita intorno all’anno Mille è attualmente frutto di secolari trasformazioni architettoniche e stilistiche dettate da uno stile gotico temperato. Nel 1908 la chiesa del Santo Sepolcro fu elevata a parrocchia[4] Guarda la scheda di catalogo su Beweb. Nello stesso anno, anche il campanile cinquecentesco che sorgeva sulla cupola del presbiterio fu sostituito da una mastodontica torre campanaria barocca. All'interno dell'edificio è conservato il Tesoro della Basilica del Santo Sepolcro. A nord volge il suo fronte longitudinale su Corso Vittorio Emanuele; ad ovest vi è l'ingresso principale, con l'attiguo sagrato in un'area unicamente pedonale, che conserva ancora una porzione dell'antico portico; a sud è affiancato ad altri edifici, in antichità vi era l'ospedale; ad est le tre absidi si affacciano su Corso Garibaldi. Tutte e tre le strutture absidali sono costituite da coperture semiconiche addossate alla parete orientale della Basilica. Basilica del Santo Sepolcro Situata in una posizione strategica, nei pressi dei quali si leva il Colosso di Barletta, tra due antichi ed importanti assi di comunicazione viaria, l’adriatica e la via Traiana che conduce a Roma, la basilica del Santo Sepolcro… Il prospetto orientale si affaccia su Corso Vittorio Emanuele e presenta tre absidi, corrispondenti alle navate interne, con quello centrale naturalmente più ampio dei due laterali. [9] Il secondo dei sei archi viene bucato dal portale d'accesso laterale alla chiesa, caratterizzato da una scalettatura verso l'interno, che sembra invitare il fedele ad entrare nel tempio. La chiesa é orientata verso Est, secondo la tradizione cristiana. Le notizie più antiche riguardanti la Chiesa del S. Sepolcro risalgono al 1061: in una lettera dell'Arcivescovo Bisanzio, infatti, si parla di alcune concessioni e privilegi conferiti alla chiesa che già esisteva nel sobborgo di S. Sepolcro. Alla Basilica erano affiancati altri edifici quali l'ospedale e la casa dei Canonici, che aveva un accesso di comunicazione diretta con la chiesa. La Basilica del Santo Sepolcro, rivolta verso oriente quasi a indicare la direzione della Terra Santa, rievoca lo stretto rapporto esistente tra Gerusalemme e il sepolcro di … Consiste nel passare una sola mano o al più due di calce spenta con aggiunta di acqua, ottenendo una superficie che lascia intravedere appena la conformazione dell'area sottostante. Al centro della facciata vi è una finestra con terminazione ad arco, sormontata da una cornice e da un timpano curvilineo. Spetta unicamente al Vescovo diocesano erigere, sopprimere o modificare le parrocchie; egli non le eriga, non le sopprima e non le modifichi in modo rilevante senza aver sentito il consiglio presbiterale. La basilica del Santo Sepolcro (in ebraico כנסיית הקבר - Cnesiat HaChever, ovvero Chiesa della Tomba; in arabo: كنيسة القيامة ‎, Kanīsat al-Qiyāma, ossia Chiesa della Resurrezione), chiamata anche la chiesa della Resurrezione … Mostra di più » Tesoro della basilica del Santo Sepolcro. Delizia di Belriguardo Luglio 29, 2020 . In alto nel mezzo della facciata svetta per altezza la copertura della navata centrale, con una finestra al centro. Nel 1618 fu fondata nel S. Sepolcro la confraternita di S. Carlo Borromeo. La chiesa del Santo Sepolcro è caratterizzata da un assetto longitudinale con orientamento est-ovest, con l'altare posto ad oriente. Restò in piedi la sola arcata che metteva in comunicazione la chiesa con l'ospedale. Oggi è possibile visitare ed apprezzare il Tesoro del Santo Sepolcro nella cappella sovrastante il nartece della Basilica, decorata da preziose icone risalenti al XIII secolo e diversi affreschi del XIV secolo. Barletta Basilica del Santo Sepolcro Portale Ovest.jpeg 2,848 × 4,272; 1.34 MB Barletta Basilica del Santo Sepolcro Prospetto Nord.jpeg 3,938 × 2,684; 814 KB Barletta Basilica santo sepolcro … PutBasilica del Santo Sepolcro into our Barletta online holiday builder and find out what's close by, where to stay, and where to head next. Il tesoro della basilica del Santo Sepolcro è conservato presso la sale museali dell'omonima basilica a Barletta … Il luogo di costruzione dell'edificio é un punto strategico di intersezione di due importanti assi viari, la via per Canosa che collega Barletta a Roma, e la via Francigena, che collega la città con Siponto, ossia l'antica strada utilizzata dai pellegrini in viaggio verso la Terra Santa. Commentodocument.getElementById("comment").setAttribute( "id", "a80c2c254dcc2f33c9bc86df3a8a4625" );document.getElementById("b76bec3df3").setAttribute( "id", "comment" ); Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome e email) per il prossimo commento. È ubicata a nord di Bari, poco distante dalla foce dell'Ofanto. Il primo documento che attesta con certezza l'esistenza della chiesa risale al 1130 (lo stesso anno in cui fu riconosciuto l'Ordine dei canonici del S. Sepolcro da parte di papa Innocenzo II). In stile gotico temperato . Tuttavia durante la fine del XIX secolo il Santo Sepolcro andò incontro ad un notevole stato di degrado e gli edifici vicini ad un totale stato di abbandono. Hotel vicino a Basilica del Santo Sepolcro: (0.03 km) B&B D'Azelio (0.04 km) B&B Eraclio (0.05 km) meApulia Bed and Breakfast (0.16 km) Bed & Breakfast De Nittis (0.09 km) Bed and Breakfast Charming House; Vedi tutti gli hotel vicino a Basilica del Santo Sepolcro … "L'insigne reliquia del Santo Legno della Croce di nostro Signor Gesù Cristo compatrona della citta di Barletta insieme a Maria Santissima dello Sterpeto e San Ruggero Vescovo, è il pezzo più pregiato, del Tesoro della Basilica del Santo Sepolcro… Nel 1138 in un'altra bolla di papa Innocenzo II viene indicata per la prima volta la ubicazione della chiesa. La facciata d’ingresso è caratterizzata da due archi a sesto acuto disposti lateralmente e da un portale d’accesso alla chiesa sovrastato da un timpano triangolare. Tra queste è impossibile non citare alcune delle reliquie provenienti direttamente dal Santo Sepolcro di Gerusalemme. Home » Puglia Blog » Basilica del Santo Sepolcro di Barletta, la chiesa alle spalle del Colosso. Alle spalle del Colosso di Barletta, Eraclio, è presente una delle più belle chiese della città: la basilica collegiata del Santo Sepolcro. La differenza di caratteri stilistici presenti nella basilica fa ritenere comunque che i tempi della costruzione si siano protratti per oltre un secolo. Nel 1144 si fa cenno alla fondazione del tempio per opera dei Cavalieri del Santo Sepolcro che, tornati dalla Palestina, l'avevano realizzata, insieme ad altri edifici religiosi e civili in tutta la Puglia. sono infatti evidenti sul fronte ovest, al secondo livello, i capichiave, terminali delle catene stesse, il medesimo uso architettonico è rintracciabile ad esempio nella chiesa di, la trabeazione è leggibile all'esterno sul prospetto ovest, nel fronte principale, da non confondersi con quella pomeridiana, che si riferisce alla peste del 1503 che accompagna il, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Basilica_del_Santo_Sepolcro_(Barletta)&oldid=114814302, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, La processione del 14 settembre si riferisce al voto effettuato in occasione della peste del. Fu abbattuto insieme alla relativa torre nel 1731. Partendo nella descrizione da ovest verso est, è caratterizzato innanzitutto dalla presenza della torre d'angolo, scavata alla base da un arco sorretto da due colonne. 2 were here. Il tesoro tutt’ora gelosamente custodito all’interno della Basilica, nella cappella sovrastante il nartece, è possibile ammirare ben cinque tesori: La basilica del Santo Sepolcro, a pochi passi da un altro luogo di culto di Barletta, la cattedrale, è un posto ideale nel quale rifugiarsi per omaggiare il Signore o per ritrovare la propria spiritualità. iStock Barletta Basilica Del Santo Sepolcro - Fotografie stock e altre immagini di Antico - Condizione Scarica subito la foto Barletta Basilica Del Santo Sepolcro per uso editoriale. Nella parte più orientale di questo prospetto trova posto il corpo di fabbrica del transetto. Il Sindaco di Barletta, Cosimo Cannito e il Comandante dei vigili, Col.Savino Filannino, hanno consegnato encomi ad agenti di Polizia Municipale Situata in una posizione strategica tra due antichi ed importanti assi di comunicazione viaria (la via Francigena adriatica da un lato e la via per Canosa che immette sulla via Traiana dall'altro), la chiesa è stata meta di transito per i pellegrini diretti in Terra Santa e per i crociati in viaggio, dal porto di Barletta, verso Gerusalemme. La parrocchia eretta legittimamente gode di personalità giuridica per il diritto stesso.», Il Tesoro della Basilica del Santo Sepolcro, Le processioni legate alla Basilica del Santo Sepolcro, l'ordine fu in seguito soppresso con regio decreto nel, il restauro è stato condotto dal Prof. Ambrosi. Hai anche la possibilità di rinunciare a questi cookie. Nel 1799 l'arrivo a Barletta dei Francesi coincise con la sospensione dell'Ordine dei Cavalieri di Malta[3]. La basilica collegiata del Santo Sepolcro è una delle principali chiese di Barletta… Da questi cookie, i cookie che sono classificati come necessari sono memorizzati nel browser in quanto sono essenziali per il funzionamento delle funzionalità di base del sito. La Basilica del Santo Sepolcro di Barletta, o Basilica collegiata del Santo Sepolcro, è una delle principali chiese della città ed ha, da sempre, uno stretto legame con la Terra Santa e il sepolcro … In corrispondenza dei sei archi, al livello superiore vi sono altrettanti porzioni di muro, divise tra loro da opportune paraste, sui quali vi sono sei tetti piramidali, corrispondenti alle sei sottostanti campate. Mandami una notifica via email quando il commento viene approvato. tecnica utilizzata per proteggere o coprire dalla vista il tufo o le pietre, altrimenti a vista. La navata centrale risulta dunque formata da sette quadrilateri, coperti con volte a ogiva. Basilica del Santo Sepolcro di Barletta, la chiesa alle spalle del Colosso “La chiesa è particolarmente conosciuta per il suo stretto legame con la Terra Santa.” Alle spalle del Colosso di … Nel 1533 il viceré di Napoli nominò alla carica di priore del Santo Sepolcro, un cavaliere gerosolimitano: tale fra Carlo Padone. A memoria del primitivo uso prese la denominazione di Ospedale dei Pellegrini. Puglia.com utilizza cookie funzionali e script esterni per migliorare la tua esperienza, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati in base alla nuova normativa GDPR, Ricci di mare, squisito crudo made in Puglia, Castello di Lucera, antico maniero svevo angioino, Lecce, un viaggio tra le bellezze segrete del capoluogo del barocco, Curiosità, 4 storie originali che (forse) non conoscevi sulla Puglia, Gargano, 3 dei più bei posti da visitare in inverno, Cosa visitare in Puglia: è ora di riscoprire la bellezza. Il fronte principale, quello occidentale, è caratterizzato da una tripartizione orizzontale e verticale. Questi cookie non memorizzano alcuna informazione personale. A questo primo corpo erano aggiunte due campate (attuali 5ª e 6ª campata), delimitate da imponenti pilastri quadrilobati (sul modello della basilica del Santo Sepolcro di Barletta), che formavano un … All'intersezione tra navata centrale e transetto vi è lo spazio quadrilatero in cui insistono l'altare e il presbiterio. Il prospetto settentrionale, invece, è scandito da sei archi a sesto acuto e dalla presenza della torre ad angolo, mentre quello orientale presenta tre absidi, ciascuna corrispondente alle navate interne. La basilica del Santo Sepolcro è una delle principali chiese di Barletta. Barletta, basilica del Santo Sepolcro, foto di Pina Catino . Coordinate: 41°19′09″N 16°16′52″E  /  41.319167°N 16.281111°E. Nella quarta campata della navata di destra si conserva il sepolcro dei confratelli. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Fra questi la preziosa stauroteca contenente un frammento del vero legno della Croce di Cristo, che da quel momento è particolarmente venerato nella chiesa del Sepolcro. Il Tesoro della Basilica del Santo Sepolcro Lo stesso argomento in dettaglio: Tesoro della basilica del Santo Sepolcro. La chiesa fin dalla fondazione conserva uno stretto legame con la Terra Santa e il sepolcro di Cristo. Quando alla sua morte, nel 1556, questi affidò il priorato della chiesa ai Cavalieri dell'Ordine di Malta, questi ultimi presero possesso sia della chiesa che della domus del Santo Sepolcro. Ad oggi la basilica del Santo Sepolcro si presenta in tutta la sua bellezza in un prevalente stile gotico temperato ed ha un assetto longitudinale con orientamento est-ovest. I campi obbligatori sono contrassegnati *. Basilica del Santo Sepolcro - Barletta: l'opinione della Guida Verde Michelin, info pratiche, mappa e calcolo d'itinerario per il tuo viaggio Barletta Centro Arti Plastiche di Carrara Settembre 17, 2020. Il passo delle campate è scandito da sette archi a sesto acuto, impostati sulla trabeazione interna della navata centrale, che divide a sua volta il livello inferiore da quello superiore in cui giacciono i matronei[10].